Azioni concrete in vista di una riforma complessiva della legge regionale per i diritti delle persone disabili. Nel bilancio approvato oggi dall’Aula del Consiglio regionale, ho proposto un pacchetto di interventi a sostengo delle persone con disabilità: in primis risorse per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle case private, visto che le liste d’attesa sono ferme al 2013, e risorse ai Comuni per adeguare gli spazi pubblici, affinché siano fruibili per tutti.
A questo si aggiungono finanziamenti perché tutti possano fare sport e dedicarsi alle proprie attività nel tempo libero: ad esempio per rendere accessibili tutte le spiagge e le piscine del Lazio e comprare sedie job e sollevatori, per consentirne la fruizione a chi è in sedia a rotelle.
Interventi insufficienti, rispetto a ciò che farò nel prossimo anno con la Legge quadro sulla disabilità di cui sono prima firmataria, ma che intanto, con lo spirito con cui ci piace lavorare nelle istituzioni, risolvono problemi concreti, che nella campagna di ascolto di questi mesi mi erano stati segnalati come fondamentali da associazioni e cittadini.
Rafforziamo poi l’impegno della Regione Lazio per le famiglie e in particolare per quelle giovani e di nuova formazione, ascoltando le associazioni che ne rappresentano i bisogni, destinando risorse a programmi di orientamento, strumenti di sostegno all’acquisto della prima casa, servizi alle famiglie, contrasto alla conflittualità genitoriale.
Mettere al mondo un figlio nel Lazio non deve essere una corsa ad ostacoli e questo è un piccolo passo per avvicinare le istituzioni ai giovani che scelgono di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.