“FARÒ APPELLO A TUTTE FORZE CHE LA PENSANO COME ME, A PARTIRE DA PISANA” (DIRE) Roma, 14 ott. – “Il Partito democratico sta morendo perche’ si fa asfissiare dalle tattiche, dalle correnti e anche se questo modo di ragionare arriva da fuori non mi appassiona. Il tema non e’ fare il gruppo o muovere i personaggi, ma riuscire a fare le cose per cui siamo stati eletti e stiamo in Regione. Per me inizia a essere molto complicato riuscire a farlo dentro il Pd. Pensavo davvero che fosse un luogo del cambiamento, ho la sensazione che questo non avvenga”. Valentina Grippo si avvia ad uscire dal Pd. La consigliera regionale (vicina al ‘Renzipensiero’), nel corso di un’intervista all’agenzia Dire, ha commentato l’uscita dell’esponente romano di Italia Viva, Luciano Nobili, che sabato aveva annunciato la nascita alla Pisana di un gruppo del nuovo movimento fondato da Matteo Renzi.
“Domani sentiro’ cosa si dira’ in direzione nazionale, se veramente andiamo verso uno schema che ci riporta indietro di tanti anni, che e’ quello spostamento dell’asse verso una visione statalista, populista, che non parte piu’ dalla scelta del miglior ceto politico per governare, se questa sara’ la direzione- ha spiegato Grippo– saro’ obbligata a fare altre scelte e a fare anche un appello a tutte le forze che la pensano come me”.
Ma parlare di un nuovo gruppo in Consiglio regionale e’ ancora prematuro: “Prima di tutto mi guardero’ intorno tra i colleghi del Consiglio regionale, chi fa politica a Roma e nei comuni intorno e chiedero’ chi e’ interessato a fare un percorso insieme che torni a pensare a un riformismo del cambiamento che era al centro dei governi Renzi e Gentiloni- ha concluso Grippo– Con chi fare questo schema e’ prematuro dirlo perche’ ci sto riflettendo, anche in base a quello che succedera’ negli assetti regionali”.
(Mtr/ Dire
17:19 14-10-19 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.